© 2018 by Itaca Mindfulness | Via Coletti 2, Treviso 31100 | info@itacamindfulness.com 

  • Black Icon LinkedIn
  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon

Le cose migliori della vita sono gratis

Sembra che la Festa del Ringraziamento sia sbarcata anche in Italia. Probabilmente non per le ragioni storiche né per la tradizione del tacchino. Grazie anche ai social network si moltiplicano i messaggi che parlano di gratitudine (oltre che di Black Friday). 

 

A me questa cosa piace. 

Una festa che si sofferma sulla possibilità di dire grazie ha un valore importante.

Ci sono stati degli anni in cui trovare ragioni per cui essere grata era una vera e propria sfida. Eppure ho scoperto proprio sulla mia pelle che trovare ogni giorno una cosa, anche una piccola cosa, per cui essere grata ha avuto un effetto curativo incredibile nella mia vita. Si tratta effettivamente di una vera e propria pratica, una terapia la cui efficacia è supportata da tante ricerche.

 

Sono numerosi gli studi che raccontano degli effetti sul nostro cervello e di come la gratitudine contribuisca ad abbassare lo stress e rafforzare il sistema immunitario. 

 

Eppure non è sempre facile essere grati per qualcosa, siete d'accordo?


In momenti come questi, è utile fermarsi e trasformare la pratica della gratitudine in una pratica di semplice apprezzamento. Apprezzare resta nella sfera della constatazione: "C'è quello che c'è e lo riconosco". Per farlo bisogna fermarsi, fare una pausa e notare qualcosa che apprezziamo di noi o di una persona che abbiamo vicino, o dell’ambiente in cui ci troviamo; magari un profumo, un colore, una sensazione, un gesto.

Magari può costarci un po’ di tempo prima di notare qualcosa. Per esempio, in una giornata fredda o piovosa possiamo apprezzare di essere al caldo, protetti e al sicuro.

In un ufficio in cui siamo sottoposti a molto stress, possiamo apprezzare quella collega con cui scambiare due chiacchiere. Se di nuovo siamo rimasti in piedi in metropolitana, possiamo accorgerci di essere riusciti a prendere quel treno invece del successivo. 

 

Non deve essere qualcosa di strepitoso o grandioso e non si tratta di trovare a tutti i costi qualcosa di positivo. Si tratta invece di una vera e propria indagine, in cui possiamo armarci di gentilezza e curiosità e domandarci: “c’è qualcosa che posso apprezzare di questo momento?". Possiamo anche apprezzare il fatto di essere liberi da fastidi, magari liberi da conflitti, protetti e al sicuro e magari in salute. Spesso non ci soffermiamo a essere grati della nostra salute fin quando non viene a mancare. Questa pratica può aiutarci a diventare aperti e ricettivi verso ciò che è lì per essere vissuto. 

 

E quando non riusciamo a trovare nulla? Va bene così! 

Possiamo forse apprezzare la nostra onestà, l'impegno che abbiamo dedicato alla pratica. Richiede molto coraggio apprezzare la vita così com'è, e non restare in un continuo anelito verso quello che vorremmo. Il cuore della pratica sta proprio nello stare con quello che c'è a prescindere dal contenuto. Ecco dei versi di Rumi che raccontano proprio la possibilità di accordare lo strumento dell'essere umano e apprezzare qualsiasi cosa faccia parte della nostra esistenza.

 

Oggi, come ogni altro giorno,
ti svegli vuoto e spaventato.
Non aprire la porta dello studio per iniziare a leggere.
Prendi in mano lo strumento musicale.
Lascia che la bellezza che ami sia in ciò che fai.
Ci sono centinaia di modi per inchinarsi e baciare la terra.

 

 

Quando sembra impossibile trovare in noi o nell’essere umano da apprezzare, la natura può venire in nostro aiuto. Sempre Rumi dice: "Siamo circondati dalla bellezza, ma sembra che dobbiamo camminare in un giardino per accorgercene". Probabilmente in Rumi c'è un invito nel cercare la bellezza oltre il giardino, oltre la bellezza evidente. Allo stesso tempo a volte una passeggiata nella natura può davvero riconciliarci con la bellezza, con l'apprezzamento e la gratitudine. 

 

Chiudo con un brano che racconta proprio questo. Il brano The best things in life are free (Le cose migliori della vita sono gratis) è del 1928; condivido la superba interpretazione del personaggio Bert Cooper di Mad Man.

Per chi conosce la serie, ricorderà che questa canzone arriva in un momento in cui il protagonista, Don Draper sta iniziando a mettere in discussione tutta la sua esistenza. Tutto si sta sgretolando, famiglia, lavoro, relazioni; le corazze crollano e si crea spazio per qualcosa di più autentico. Così iniziamo a scorgere i doni della vita, e come dice la canzone scopriamo che la luna e le stelle appartengono a tutti e sì, le cose migliori della vita sono gratis. 

 

The stars in the sky
The Moon on high
They're great for you and me
Because they're free

The Moon belongs to ev'ryone
The best things in life are free
The stars belong to ev'ryone
They gleam there for you and me

The flowers in spring
The robins that sing
The sunbeams that shine
They're yours, they're mine
Love can come to ev'ryone
The best things in life are free

The stars in the sky
The Moon on high
They're great because they're free

Please reload

Post Consigliati

Please reload

Continua a leggere il blog. Iscriviti alla Newsletter.