Sulla Poesia e la Meditazione


C’è un legame strettissimo tra poesia e meditazione. Entrambe sono un'arte che richiede pazienza, disciplina, dedizione. Entrambe cercano di raccontare attimi, emozioni, suggestioni. Entrambe contemplano la possibilità di non trovare risposte ma stare con la domanda. Capita spesso negli incontri di meditazione che, davanti a una domanda di qualche partecipante, mi permetta di rispondere leggendo una poesia con l’intenzione non di riempire lo spazio con una risposta che sarebbe il più delle volte limitata, ma con il desiderio di aprirne uno nuovo.

La poesia arriva infatti in luoghi dell’anima sconosciuti, luoghi che tal volta visitiamo con la meditazione. Lo descrive magnificamente la poetessa e praticante di meditazione Chandra Livia Candiani che spesso ha parlato del legame tra poesia e meditazione.

"(…) la poesia sa condurre negli spazi del non so, costringe all’intimità con il non conosciuto, con la domanda che non chiede risposte ma scommesse, rivoluzioni di senso, mappe non lineari. Risponde alla paura contemporanea del vuoto, quel vuoto fecondo che permette l’incontro con l’altro, lo spazio tra me e te in cui potersi emozionare. E cosa crea più intimità della parola viva?"

Tanto la poesia quanto la meditazione partono dall’esperienza diretta e dalla possibilità di incontrare l’esperienza con apertura, con curiosità. Poesia e meditazione utilizzano due linguaggi diversi ma partono dallo stesso silenzio, e dall’essere svegli, presenti al panorama fuori e dentro di noi. Senza scegliere. Senza giudizio, presenti a quello che c’è. Nello sforzo continuo di individuare la parola che meglio descrive quell’attimo, quella suggestione. A volte occorrono settimane, mesi, anni per trovare quella parola.

Mi viene in mente un bellissimo film del regista coreano Lee Chang-dong dal titolo Poetry (Poesia). Il regista intervistato descrive così la trama del film: “Il film racconta di un’anziana che scrive poesie per la prima volta. Dapprima cerca la bellezza visibile, poi capisce che la bellezza la si può trovare solo dopo aver vissuto l’orrore, la sofferenza, il lato oscuro delle cose”.

Anzi è spesso il dolore più grande che ci permette di scorgere la preziosità della vita. Tanto la poesia quanto la meditazione contemplano la possibilità di condividere nello stesso spazio il più grande dolore e la più grande bellezza. Esemplare quel primo verso della poesia Gentilezza di Naomi Shihab Nye:

Prima di sapere che cosa sia veramente la gentilezza

devi perdere delle cose

Tanto la poesia quanto la meditazione racchiudono un senso di urgenza. Di recente ho partecipato a un ritiro con Christina Feldman che durante un suo discorso sottolineava il senso di urgenza della meditazione; che è spesso lo slancio che ci ha fatto iniziare a meditare e che sempre più cresce quando ci accorgiamo della preziosità e fragilità della vita.

Allo stesso modo la poesia viene scritta perchè non si può farne a meno, la stesura è di per sé quel processo di scoperta e conoscenza che piuttosto che nascere da una romantica ispirazione trova il suo slancio da un’impellenza.

Tanto la meditazione quanto la poesia condividono un forte senso etico, sociale, rivoluzionario. Mi viene in mente una bellissima canzone di Brunori che canta “oggi salvo il mondo con un pugno di poesie”, e in un certo senso mi riporta alla celebre frase di Dostojevski “la bellezza salverà il mondo”. Non si può non ricordare a questo proposito Lawrence Faringhetti che nel suo Poetry as Insurgent Art (Poesia, un'arte che insorge) scriveva un vero e proprio manifesto che erge la poesia a un'arte tra le più rivoluzionarie capace di trasformare il mondo.

Osa essere un guerrigliero poetico non-violento,

un antieroe.

Controlla la tua voce più incontrollata con

compassione.

Fai il vino nuovo con gli acini della rabbia.

Ricorda che gli uomini e le donne sono esseri

infinitamente estatici, infinitamente sofferenti.

Solleva i ciechi, spalanca le tue finestre chiuse,

solleva il tetto,

svita le serrature delle porte, ma non buttare via

i cardini.

C’è un implicito senso etico nella scelta di meditare e il momento più importante è quando lasciamo il cuscino di meditazione e incontriamo il mondo. Sempre nel mio ultimo ritiro ho sentito una storia divertente di un monaco zen che aveva scelto di lasciare la vita monastica e una volta tornato nel suo appartamento di New York, aveva appeso all'interno della porta di casa la scritta “Zendo” che nello zen si riferisce alla sala di meditazione. Questo per ricordarsi che la vita fuori da casa con la sua velocità, aggressività, a volte incomprensibilità, è la vera sala per praticare meditazione.

Conosco molti "guerriglieri poetici non-violenti" che si dilettano a scrivere poesie. Tra questi mia mamma che continua a vivere quell’urgenza di raccontare l'attimo, sparpagliando versi dovunque: foglietti vari, retro degli scontrini, angoli di una busta qualunque.

Sono sinceramente grata a tutti coloro che prendendo posto in un cuscino da meditazione o impugnano una penna per raccontare la fragilità e preziosità della vita. Chiudo con una poesia di Wendelll Berry che racconta la sua ricetta per essere un poeta. Che possa essere d’ispirazione per futuri guerriglieri.

Come essere un poeta

(per mio promemoria)

Trova un posto per sederti.

Siediti. Resta in silenzio.

Dovrai fare affidamento su

affetti, letture, conoscenze,

abilità – più di quante

tu ne abbia – ispirazione,

impegno, maturità, pazienza,

perché la pazienza congiunge il tempo

all’eternità. Dubita

del giudizio

di chi elogia i tuoi versi.

Respira con respiro incondizionato

l’aria non condizionata.

Lascia perdere i fili elettrici.

Comunica con lentezza. Vivi

una vita a tre dimensioni;

stai lontano dagli schermi.

Stai lontano da tutto ciò

che offusca il luogo in cui si trova.

Non esistono luoghi che non siano sacri;

soltanto luoghi sacri

e luoghi profanati.

Accogli quanto viene dal silenzio.

Fanne il meglio che puoi.

Con le minute parole che a poco a poco nascono

dal silenzio, come preghiere

riverberate verso chi prega,

componi una poesia che non turbi

il silenzio da cui è nata.

#italiano #consapevolezza

© 2018 by Itaca Mindfulness | Via Coletti 2, Treviso 31100 | info@itacamindfulness.com 

  • Black Icon LinkedIn
  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon